Buoni consigli, Pillole

Come inserire una firma o una filigrana trasparente sulle nostre foto, in 6 minuti

Inserire una firma o una bella filigrana trasparente su una foto che intendiamo, magari, pubblicare sul #web, sul sito dell’Istituto, su altre piattaforme affinché venga tutelata la sua paternità, è semplice e comodo con Fotor. Vi spiego, in appena 6 minuti, come procedere. P.s. Sul mio canale trovate un altro videocorso dedicato a questo programma, anche nella sua versione interamente #online. Insomma, da provare. Come sempre, graditi/e feedbacks e condivisioni.

Andrea Cartotto

Trainer Andrea

Buoni consigli, Pillole

Come creare presentazioni accattivanti ed una infinità di tipi di pubblicazione? Ma con Canva!

Quello di oggi, è un videocorso su una risorsa a me cara, anche perchè la uso sin dai suoi albori (parliamo del 2012, almeno…) ed in mille contesti: #Canva. Motto azzeccatissimo: “Crea ciò che vuoi”, ed è vero! Nata negli ambiti della comunicazione e del marketing, è preziosa per la produzione di contenuti per la didattica a 360 gradi, dalla Scuola dell’Infanzia sino all’Università! Si creano presentazioni veramente accattivanti, tanto che vi mostro passo passo un esempio perfetto per l’esame di terza della Scuola Secondaria di I Grado, ed è eccellente anche per gli altri ordini. Ad inizio video, cito una serie di esempi di uso adatti per i più piccoli e per i grandi, vedrete il potenziale di ciò che ho desiderato raccontarvi con un linguaggio accessibile a tutti. Come sempre, graditi/e feedbacks e condivisioni. Grazie.

Andrea Cartotto

Trainer Andrea

Buoni consigli, Pillole

Da presentazione a pagina web, in 10 minuti e con semplicità: vi presento Adobe Spark Page

Eh sì, nel titolo del video dico il vero: guardiamo insieme (in appena 10 minuti), passo passo, come una “semplice” presentazione possa divenire, in realtà, una accattivante pagina web consultabile da qualunque browser e dispositivo! Una idea vincente per l’esame di fine ciclo della Secondaria di I e II Grado, e non solo, una ottima attività per fare storytelling nella Scuola dell’Infanzia e nella Scuola Primaria, una applicazione web veramente indicata per ogni disciplina e docente. Questo è l’approccio al #digitale che mi piace e desidero vedere sempre: utilizzare una risorsa e renderla “liquida”, cioè modulabile in base ai nostri bisogni. Come sempre, graditi/e feedbacks e condivisioni, grazie!

Andrea Cartotto

Trainer Andrea

Buoni consigli, Pillole

Visitiamo l’Italia, il mondo, i musei più belli con Google Arts and Culture

#Google ci mette a disposizione – e non da oggi – una risorsa tanto semplice quanto interessante: Arts and Culture. Prudentemente da casa, e con qualunque dispositivo, è dunque possibile visitare la nostra bella #Italia, i suoi musei le collezioni d’arte: se poi lo desideriamo, possiamo estendere la nostra ricerca ad altri paesi del mondo. Una attività ottima per la Scuola Primaria e la Scuola Secondaria di I Grado, ma – mio personale consiglio – una esperienza interessante davvero per tutti, che descrivo in una pillola video di 6 minuti. Con l’augurio di un buon sabato, come sempre graditi/e feedbacks e condivisioni. Grazie. 

Andrea Cartotto

Trainer Andrea

Buoni consigli, Pillole

Giovedì 16 aprile, intervista in diretta nazionale Facebook per “Resistenza Digitale”

#savethedate! (Segna in agenda!) Giovedì 16 aprile, con inizio alle ore 18, sarò in diretta nazionale #facebook su Resistenza digitale (andate a visionare la pagina, magari mettere anche un bel mi piace, la diretta si terrà lì) per una piacevole intervista-chiacchierata condotta da Cristina Savi. Di cosa parlerò? Strumenti e strategie #digitali in tempo di #coronavirus e non solo, #scuola#opensource ed altro ancora! Dai, venitemi a trovare da pc, tablet o smartphone!

Andrea Cartotto

Trainer Andrea

Pillole

Quando si è letteralmente “infiammati” per la didattica digitale!

I primi, lievi effetti, dei ritmi di più di un mese di lavoro matto e disperatissimo nell’ambito della #didattica #digitale ed a supporto dei colleghi e dei tanti Istituti Scolastici che mi stimano e mi vogliono bene…Non temete, dovrei raffreddarmi nei due giorni a venire! 

Andrea Cartotto

Trainer Andrea

Buoni consigli, Pillole

Sfatiamo i miti e la confusione nella Didattica a distanza

La Didattica a Distanza ci ha messo di fronte ad uno scenario completamente nuovo. Però, ultimamente mi capita davvero di leggere e sentire tutto, ed il contrario di tutto in materia…In più, si sono aggiunti sedicenti esperti e/o “fuffologi” che rischiano di generare falsi miti duri da sfatare e #fake news. Poichè ho la fortuna, da più di dieci anni, di lavorare in maniera specifica con la didattica digitale e di insegnare ad applicarla, sia agli alunni che ai colleghi docenti, ho ritenuto doveroso provare a fare un pochino di chiarezza, con un linguaggio accessibile e comprensibile da parte di tutti. Ci sarò riuscito? 😉 Sempre graditi/e feedbacks e condivisioni, buona serata!

Andrea Cartotto

Trainer Andrea

I miei progetti

20 e 21 novembre, 2 miei incontri al Festival della Salute di Sanremo

#savethedate! Anche quest’anno, con il consueto piacere ho accettato l’invito come relatore al Festival della Salute organizzato da ASL 1 Imperiese che si terrà nella mia #Sanremo, presso la struttura del #Palafiori.
——
➡️ 20/11 alle 17 e 30 Incontro pubblico sulle parole del #web, le #fakenews e le troppe stupidaggini che circolano in Rete, NON MANCATE!
➡️ 21/11 dalle 9 Laboratorio per le Scuole con il Galateo di Mister #Internet e guida all’uso consapevole di #social, #giochi, #whatsapp e derivati.

Ci vediamo là? Ingresso libero per tutti, una occasione per salutarci!
#trainerandrea #formazione #educazionedigitale #solocosebelle

Andrea Cartotto

Trainer Andrea

Il mio sguardo sull'IT, Pillole

Conosci il cimitero di Google?

Puó aver accusato piccoli grandi fallimenti anche un colosso come Google?

Direttamente dal canale Telegram della collega docente e formatrice Rachele Zinzocchi, una interessante segnalazione. Cliccando QUI é possibile fare una visita – tranquilli, per nulla macabra – al “cimitero di Google”.

Un sito, cioé, che racchiude in chiave grafica e testuale le piattaforme lanciate da Big G, talvolta in pompa magna, che si sono dovute comunque piegare all’insuccesso e allo scarso gradimento da parte degli utenti, al punto da decretarne la chiusura.

L’ultimo, in ordine di tempo, é Google+, quello che doveva essere l’anti-facebook e non ha invece retto all’impatto con il re dei social networks.

Vi invito, allora, a curiosare cliccando sul link che trovate alcune righe sopra e, perché no, a scrivermi quante “defunte” piattaforme digitali siete in grado di ricordare!

Andrea Cartotto

Trainer Andrea

Buoni consigli, Il mio sguardo sull'IT

Un inaspettato aiuto da Facebook contro le fake news

esempio notizia del quotidiano repubblica

Oggi mi è capitato di trovare, nel profilo di alcuni amici questo link, inizialmente condiviso da non si sa chi. Ad una lettura distratta o, ancor peggio, condita da un pizzico di mancanza di conoscenza (lo riconosco, sono stato piuttosto elegante nei termini… 😉 ) potrebbe sembrare notizia pubblicata da un noto quotidiano (si tratta, comunque, del vero quotidiano La Repubblica, in questo caso) ed assolutamente attuale, ma…basterebbe fare una semplice ricerca su Google per scoprire che Tina Anselmi – figura femminile di spicco della storia politica italiana – è scomparsa il primo novembre 2016.

Facebook, però, da qualche tempo sta cercando di porre un freno alla diffusione delle notizie fasulle o tendenziose sulle sue pagine, ed ha recentemente introdotto un piccolo pulsante a forma di che potete osservare a destra, subito sotto la fotografia della Signora Anselmi.

Cliccandoci sopra, è possibile effettuare una prima verifica della fonte e leggere quando sia stata effettuata la prima condivisione. Osservate nella figura appena sotto cosa ci viene mostrato, infatti, cliccando proprio sulla piccola i:

risultato pulsante informazioni su link facebook

Oltre ad una breve presentazione del quotidiano, appare sotto la prima condivisione del link: in questo caso, novembre 2016.

Credo che vada apprezzato il tentativo del social network più noto al mondo che, da un lato, mira a “ripulire” per quanto possibile i contenuti ospitati sulle sue pagine da bufale più o meno note e, dall’altro, punta così a mantenere elevato il suo numero di utenti attivi.

Un aiuto per smascherare con facilità le bufale, anche solo utilizzando un browser come Google Chrome, ve l’avevo offerto anch’io qualche tempo fa ed è possibile metterlo in pratica semplicemente cliccando QUI, ma resta inteso che la migliore azione di controllo la possiamo esercitare mettendo in campo due potenti armi che poco hanno a che vedere con le tecnologie digitali: l’utilizzo del cervello ed il buon senso.

Andrea Cartotto

Trainer Andrea